18 febbraio 2008

A me pare un risultato deludente

Meno del 40% di votanti, una risicatissima prevalenza dei "SI" (e nemmeno in tutti i quartieri), per un referendum consultivo che già di per sé non conta una cippa, è quello che io chiamerei un risultato deludente. A esser buoni.
Meglio così, eh. Ci manca solo qualcun altro che ferma la tranvia e poi si lamenta del traffico.

17 commenti:

Lighty3ar ha detto...

infatti x me è un altro ottimo motivo x NON rivotare chi ho votato l'altra volta: fanno un referendum e poi ti dicono "intanto nn ce ne frega una mazza che NOI andiamo avanti comunque"... la terra dei cachi, qua a chavez gli diamo via alla grandissima!!

Lorenzo Lazzeri (spider) ha detto...

L'è un discorso che non sta in piedi.
Il referendum è consultivo. E' stato indetto per sentire l'opinione dei cittadini. Sono andati a votare meno del 40%, e tra questi si sono divisi circa a metà.
A casa mia il 50% del 40% sono una netta minoranza. Quindi anche se quel referendum avesse contato qualcosa, i promotori avrebbero PERSO.

Ma poi, te sei andato?

Lighty3ar ha detto...

infatti è dimolto consultivo: l'hanno fatto dopo 3 anni che hanno belle sbudellato la città e schiantato quei 3 alberi che rimanevano sui viali... io adesso fossi il sindaco farei anche un bel referendum x sentire di che colore si vuole la facciata del duomo di firenze...

Lorenzo Lazzeri (spider) ha detto...

Se l'hanno fatto troppo tardi te la devi rifare con chi lo ha richiesto: poteva chiederlo prima.

Dal canto suo il Sindaco e la Giunta mica devono chiedere il parere ai cittadini per ogni cosa che devono fare: sono stati eletti e hanno il mandato di cinque anni per fare ciò che hanno detto. Non mi dirai che la metrotranvia è stata una sorpresa no? Quando tu hai votato (o non votato) l'attuale sindaco, a parte che i lavori erano belle iniziati (l'è un po' che hanno fatto il sottopasso di porta a prato), tu lo sapevi che avrebbe continuato con la tranvia.

Se poi chi non la voleva ha perso... è la democrazia, baby.

Sugli alberi... ma via, non mi vorrai far credere che ti frega qualcosa degli alberi? Poi, oh, se si ragionasse così, lasciare tutto com'è, al posto dei viali (quelli con gli alberi) ora ci sarebbero le mura, e te al lavoro ci andresti a piedi, perché col cazzo che ci passeresti in macchina.
Comunque, tranquillo: saranno almeno vent'anni che è usanza (e probabilmente legge) che ogni volta che si toglie un albero se ne piantano due da una altra parte.

Lighty3ar ha detto...

infatti firenze pare sherwood da quanti alberi ci s'ha. :-)

il punto è che l'attuale giunta è in carica da due mandati, il progetto era stato validato dalla giunta primicerio come micro metrò, non come eurostar che deve passare a 2 metri dal duomo... e nn sono neanche due giorni che la gente sta protestando, ma è un bel pò che c'è casino e il referendum hanno deciso di farlo, guarda un pò, solo adesso...

poi vabbè, se per un progetto così importante (xché qui mica stiamo parlando di cambiare gli scivoli ai giardini del garzullo) i politici che noi abbiamo eletto si sentono sicuri che quello che loro pensano vada sicuramente bene alla maggioranza della città grazie al fatto che hanno ricevuto un potere temporale maggiore di quello di dio, allora ho paura che la mattina che alla giunta girerà di di fare il muro di berlino a porta romana qua dobbiamo stare tutti zitti xché il nostro voto vale proprio x TUTTO quello che loro vogliono fare.


POPOLO DI PALAZZOBOBBY!!
Se mi votate alle prossime comunali la mia giunta farà un bel pò di cose utili alla società + varie ed eventuali (e nelle varie ed eventuali penso che ci metterò una disneyland allo stadio, una piantagione di maria al nuovo parco di novoli, un nuovo aereoporto buttando giù brozzi e le piagge e una strip piena di lap dance e puttanai... dipende un pò da come mi girerà lì x lì).
E, siccome qua siamo in una democrazia e nn in una società teocratica, vi chiederò sempre il parere sulle mie usualmente brllanti pensate (anche questo xò dipende un pò da come mi girerà) :-)

Lorenzo Lazzeri (spider) ha detto...

Epperò tutte queste belle parole cozzano col fatto che non hai risposto alla domanda fondamentale: tu, ieri, hai votato?
Perché nel caso tu non abbia votato, allora smetto di polemizzare e passo a sostenere la tua campagna politica :D

Lighty3ar ha detto...

Caro (spero) futuro Elettore,
io non sono andato a votare per ben due motivi:
a) dopo le baldorie di sabato sera sono andato oltremodo lungo nel riprendermi la domenica
b) non faccio una cosa che non serve a una mazza e in + sono già sicuro che mi farà incazzare come una bestia (o almeno ci provo).

Purtroppo nn posso continuare questo bel dialogo perché ho deciso di candidarmi anche alle politiche nazionali, per cui ho deciso di non influenzare oltremodo la vita sociale della mia città.

Apro solo una parentesi per dire ai Cittadini che sto pensando (ma poi eventualmente decido una volta che cortesemente mi avrete eletto) ad un'altra bella iniziativa di carattere demografico-stronzologico: il mio governo pagherà a TUTTI gli uomini italiani TRE vacanze all'anno da due settimane da usufruire tra thailandia, brasile, romania, inghilterra, vicarello e ovunque ci sia gnocca abbordabile su icq.
Tale programma verrà finanziato extra budget grazie ad una operazione di project finaning con durata secolare e, nell'ottica di massimizzarne il successo, delego da subito lo stimato dottorino Bussado a proporre nuove nazioni da includere nella lista di quelle già presenti.

ORA VOGLIO PROPRIO VEDERE CHI HA IL CORAGGIO DI NON VOTARMI EH... :-)

Lorenzo Lazzeri (spider) ha detto...

Vota Bobby.
Oh, quante firme servono per presentare la lista? Che da qui al 10 marzo magari la ci si fa: basta andare alla prossima festa con un banchettino.

Ilnirvana ha detto...

Sul risultato del referendum poco da dire, è stato davvero negativo.
I numeri si commentano da soli.
Incontestabile però che l'amministrazione comunale abbia sbagliato lo sbagliabile sul fronte trasporto.
Personalmente sono uno di quelli che il mezzo pubblico non lo prenderà mai, anche ci mettesse 1 secondo rispetto a 60 minuti di mezzo privato. E come me il 90% dei fiorentini. A Palazzo Vecchio tutto ciò è noto, così come non è una sorpresa il carattere dei nipotini di Dante. Piuttosto prendo la multa, ma non mi adeguo alle imposizioni del Sindaco. Questo è ciò che viene detto e pensato da molti fiorentini. E lì che si doveva lavorare, facendo capire che la tramvia sarebbe potuta essere un'opportunità e non farla vivere come un'imposizione. Il rischio è che il nuovo mezzo di trasporto pubblico sia un investimento fallimentare tanto quanto i parcheggi scambiatori (tutti inesorabilmente vuoti). Senza contare che la gestione verrà affidata ad una ditta fallita di fatto da almeno 3 anni, l'Ataf, che rischia di avere tra le mani questa situazione grottesca. Una volta fatta la prima linea è ovvio dover fare anche le altre due, ma almeno evitiamo lo scempio di far passare l'eurostar di 41 tonnellate davanti a ciò che Brunelleschi ci ha regalato

Lighty3ar ha detto...

...e ora il lino e mirkino s'ammazzano :-)

Darkness ha detto...

Da "utente della strada" mi permetto di dire anche la mia.
Premettendo che io non usufruirò MAI della tranvia per troppi ovvi motivi che non sto qui a esplicare, da completo ignorante di ingegneristica stradale dico:
1) TUTTE le strade di Firenze sono ormai sature di traffico privato/pubblico. Bell'idea ridurre ulteriormente lo spazio percorribile con la speranza (utopia) che parte dell'utenza preferirà la tranvia al mezzo privato. Permettetemi un commento filorazzista, la tranvia sarà utilizzata per la maggiore da immigrati che non pagheranno neanche il biglietto.
2) Rendiamo ancor più difficoltoso il tragitto di mezzi di soccorso. Luogo ormai comune quanto vero.
3) Estirpiamo anche quegli inutili alberelli rimasti e rimpiazziamoli con quegli affascinanti pali alti 15mt a servizio della rete elettrica. Qualcuno la chiama "arte contemporanea"
4) Le vibrazioni? L'autobus non è certo silenzioso ma ci illudiamo che l'inquinamento acustico ne trarrà beneficio?
5) Dimentichiamo forse l'aspetto più VERGOGNOSO? A pochissimi metri dal Duomo avremo il piacere di fotografare insieme a quei simpatici tralicci in arte contemporanea anche un "citystar" di solo 32mt! Chissà quanto saranno felici gli amanti di PhotoShop.
Fatte queste brevi considerazioni oggettivamente reali viene da domandarsi: "e allora? come li risolviamo il problema mobilità a Firenze?"
Parlando sempre da utente ignorante sostengo il progetto micrometropolitana dell'UNI di Firenze.
Inutile che mi dilunghi sui SOLI effetti positivi che potrebbe apportare una soluzione del genere.
Non vorremmo mica bloccare la modernizzazione della città per qualche fossile di pesce andato a male durante gli scavi? A pensarla così Roma avrebbe ancora le bighe come mezzo di trasporto. Non credete che Firenze disponga già di un "sufficiente" patrimonio artistico in superficie?
A voi ogni considerazione.

Lighty3ar ha detto...

giuste e morigerate osservazioni: ti sei meritato la futura poltrona di ministro allo stunz-stunz-minimal... anche x questo fai un bel lavoro e fammi votare da tutti i tuoi amichetti!!!

Lorenzo Lazzeri (spider) ha detto...

Tutte giuste le osservazioni, solo che non tengono conto di una cosa fondamentale: s'è fatta la tranvia invece della metropolitana perché la metropolitana (a) costa troppo, (b) ci vogliono i secoli a fare un tragitto di pochi chilometri e (c) dove buchi buchi a Firenze trovi qualcosa. E siccome vi scandalizzate di un tram che passa davanti al Duomo (ma non delle migliaia di autobus, chissà perché), mi sarebbe piaciuto vedervi quando avrebbero dovuto buttare nel cesso "ciò che i nostri antenati Etruschi e/o Romani ci hanno regalato".

Poi, voi non ve lo ricordate, ma si è *già votato* almeno venti anni fa sulla metropolitana. Cercate bene, chiedete ai vostri genitori, magari se ne ricordano. Mandarono la scheda a casa, mio padre ci scrisse "perché non un omnibus trainato da cavalli?" che io manco sapevo che cazzo era un omnibus.

Comunque, e rispondo a chi dice che non usa i mezzi di trasporto pubblico né mai li userà. Sarebbe bellino fare un giorno una prova: tutti quelli che per andare a lavoro o per spostarsi (italiani o stranieri, che cazzo di differenza fa?) prendono l'autobus, usino i mezzi propri. Poi mi raccontate se non serve potenziare il trasporto pubblico e disincentivare (disincentivare significa esattamente fare in modo che trovi più conveniente usare il bus della tua auto) quello privato.

Anni fa ero a cena con della gente tra cui un certo assessore alla mobilità che disse chiaramente che le corsie preferenziali che andava di moda mettere nel mezzo alle strade a fine anni '90 erano più che altro per scoraggiare il traffico privato. Perché per funzionare davvero una corsia preferenziale ha da essere... come quella della tranvia! Dall'inizio alla fine.

P.S.: Darkenss, quella del non voler bloccare gli scavi "per qualche fossile di pesce" non è un granché come argomentazione. Ti si potrebbe tranquillamente rispondere allo stesso modo: non vorrai mica bloccare la tranvia per un monumento che comunque nessuno toccherebbe?

Lorenzo Lazzeri (spider) ha detto...

Aggiungo che non posso fare a meno di notare che quelli che hanno promosso il referendum sono della stessa parte politica di quelli che si stracciano le vesti ogniqualvolta si decide di allargare la zona a traffico limitato o - oltraggio! - quella pedonale. Perché i commercianti, che stanno da quella parte lì, perdono affari (salvo doversi ricredere a qualche anno di distanza, senza avere il coraggio di ammetterlo apertamente però).

Sempre le vesti ci si stracciano: oggi per un "eurostar" che passa vicino al Duomo (ma l'Eurostar, quello vero, è lungo 350 metri e di tonnellate ne pesa giusto 600 di più); ieri (ma anche domani) per le macchine che non possono più passare davanti ai negozi, dietro al duomo, accanto a Palazzo Strozzi, ovunque. Il fatto è che da qualche parte (più da una che dall'altra, mi tocca dire) ci sono degli ipocriti che guardano solo agli interessi particolari, e su questo montano campagne inutili e dispendiose tipo il referendum.

Ah, a proposito di dispendio. Quando i referendum non raggiungono il quorum, quei referendum che però se lo raggiungessero avrebbero validità immediata, sempre da quella parte arrivano immancabili le solite grida al "chi paga per questo spreco?". Ecco: chi paga lo spreco di un referendum INUTILE già in partenza e che comunque non ha manco raggiunto il quorum?

Ilnirvana ha detto...

con la storia, anzi la leggenda, dei reperti sotterranei, città come parigi, londra o roma non dovrebbe aver la metropolitana, e invece...
aggiungo che trovo molto, anzi miliardi di volte più invasivo una serie orrenda di pali che dei lavori sotterranei
nel corso degli anni sono stati spesi circa 10 milione di euro in progetti per la metropolitana a firenze (due anni fa venne fatta anche una mostra su tal progetti)
io resto cmq dell'opinione che il punto sia il modo di porsi della giunta e non solo il cosa fa
i parcheggi sono vuoti, e questo è un dato indiscutibile
per pianare il buco indecoroso susseguente ai lavori di sant'ambrogio si è deciso di togliere tutti i parcheggi in via gioberti, con buona pace dei commercianti e di chi, liberamente, vuole spostarsi
limitare la libertà personale è una decisione estrema che va presa con moderazione
cmq sia, tra poco belusconi tornerà al potere e non è detto che la tramvia non venga bloccata dall'alto
anche perchè il progetto iniziale ha come conditio sine qua non la cosiddetta "rivoluzione del ferro e della gomma", possibile SOLO se si farà l'alta velocità e se i binari tradizionali serviranno da micro metropolitana in punti strategici (trata barberini-campo di marte) e soprattutto se le corsi preferenziali saranno rispettate
ad oggi una patetica utopia di chi crede di cambiare il mondo a forza di imposizioni

Darkness ha detto...

Riflettendo mi sento di dire che (e questa è una considerazione del tutto personale):
preferisco che qualche lisca di pesce o qualche soprammobile di un mio trisnonno vadano persi piuttosto che inquinare le bellezze che tutto il mondo ci invidia. Esempio attuale vuole essere l'ampliamento della linea rossa della metro di Roma. Provate a fare un forellino con la punta del 2 nel sottosuolo della città capitolina. Magicamente diventerete tutti "piccoli archeologi".
Quale fantasmagorica soluzione avrà trovato l'amministrazione comunale di Roma per risolvere questo dilemma? Scavare. Solo se viene rinvenuto un reperto di INESTIMABILE valore i lavori vengono stoppati. In ogni caso a meno che non si tratti di Atlantide i lavori continuano.
Concordo con chi dice che le migliaia di bus che transitano accanto al Duomo non sono un bello spettacolo, ma sicuramente non sono paragonabili ad un'opera tanto irreversibile quanto invasiva come la tranvia.
A prescindere dal gusto estetico (che non credo sia opinabile)concludo sostenendo (sempre per opinione del tutto personale) che il trasporto pubblico in superficie non risolverà i problemi di viabilità di Firenze.

Lorenzo Lazzeri (spider) ha detto...

Però capiamoci: anche io preferisco di gran lunga la metropolitana.
Solo che non si può fare perché costa troppo. Punto. Ci sono i soldi per il tram e non ci sono per la metropolitana.
E va bene che la metropolitana è meno invasiva, ma non pensate che siano meno invasivi i lavori per averla: venite a vedere in che stato è viale fulvio testi per una linea di poche fermate. E così rimarrà per anni.