6 febbraio 2006

L'Europa dalle braghe calate

Un sacerdote ucciso, proteste assurde in decine di nazioni, predicatori folli e vigliacchi che prendono l’attualità come spunto per aizzare folle di ignoranti creduloni. Uno scenario da incubo quello che si sta materializzando in Europa, ad una settimana dalla pubblicazione delle ormai famigerate vignette sataniche. Due precisazioni sembrano essere necessarie: la libertà di stampa e della satira di essere cattivella e un po’ bastarda va difesa sempre, e non solo quando la censura colpisce la Guzzanti. Le reazioni a quei disegni è a dir poco sproporzionata: manifestazioni, urla, minacce e persone in piazza ad urlare che Allah è grande e che l’occidente verrà spazzato via da un gruppo di pezzenti con le toppe al culo. E in tutto questo squallore, i politici nostrani che non dicono una sola sillaba sulla libertà di espressione, ma si calano le braghe (Pisanu in testa), spaventati dall’ipotesi di un taglio ai rifornimenti petroliferi. Sarei curioso di sapere cosa sta pensando, nella sua casa di New York, Oriana Fallaci, che del rischio di un Europa succube dell’Islam aveva scritto molto e da molti era stata presa come una pazza. O peggio come una provocatrice. Sarebbe interessante sapere cosa avrebbe da dire oggi i vari tromboni del pacifismo senza se e senza ma, quelli che odiano la Chiesa, gridano al laicismo a oltranza, bruciano le bandiere USA (dimenticando, da bravi ignoranti quali sono, che se oggi siamo liberi e ricchi, a differenza dell’est ex comunista, lo dobbiamo a quella bandiera a stelle e strisce) e credono nel dialogo con Hamas. Si, sarebbe davvero interessante.

2 commenti:

Joe Tempesta ha detto...

Devo fare ammenda: sono d'accordo anche con i toni :-)

cipoboy ha detto...

Caro nirvana, cosa voi che pensino questi inetti cittadini? Hanno esultato alla vittoria di hamas, hanno celebrato la maraini perchè è anti fallaci, candidano d'ambrosio perchè grazie alla sua regia han fatto fuori 5 partiti, stanno in silenzio sull'islam perhcè sperano che faccia fuori la chiesa e non ci penserebbero su due volte in caso di guerra ad appoggiare gli arabi di merda.
Quei servi giornalisti di repubblica o del corriere della sera si son guardati bene dall'attaccare davvero l'islam a difesa di quella libertà di parola di cui si riempono la bocca ma con cui all'occorrenza si puliscono il culo.
La soluzione è una sola, e già il cardinale di bologna (ex ora credo, il nome di mi sembra è antonini, ma non lo ricordo quindi...)dalle pagine del Giornale l'aveva individuata: o noi o loro. con certa gente non si vive e non c'è possibilità di dialogo.